E’ nata la fondazione Gabriele Sandri


"Prima di fare l’atto conclusivo del mio lavoro in questa città, ci tenevo molto che il Comune varasse ciò che avevamo deciso insieme" alla famiglia Sandri "la prima volta che ci siamo visti". Così il sindaco di Roma, Walter Veltroni, presenta in Campidoglio la nascita della Fondazione Gabriele Sandri, "impegnata contro ogni forma di violenza e in difesa della bellezza della vita di ciascun essere umano".

La Fondazione è dedicata al tifoso laziale ucciso l’11 novembre scorso in un autogrill vicino Arezzo da un colpo di pistola sparato da un agente della Polstrada. Gabriele "aveva la voglia– sottolinea Veltroni- di avere con il mondo un buon rapporto e di sorridere alla vita" ed è morto per una "assurda, ingiustificabile e immotivabile vicenda". "Vorrei che con la Fondazione – prosegue il fratello di Gabriele, Cristiano Sandri – arrivasse un messaggio positivo, com’era positivo mio fratello", per "contrastare la violenza e trasmettere valori quali lealtà, onore e solidarietà che lo sport vissuto in modo corretto può trasferire".

Partecipando alla presentazione della Fondazione, il calciatore della Lazio e amico personale di Gabbo, Lorenzo De Silvestri, ha assicurato: "Ce la metterò tutta per fare piccoli gesti che potranno aiutare il calcio e la Fondazione per il bene dello sport".

Accanto ai genitori di Gabriele, Giorgio e Daniela Sandri, erano presenti anche il presidente della Figc, Giancarlo Abete, il portiere della Roma, Gianluca Curci, e Luca Di Bartolomei, il figlio del capitano giallorosso che si tolse la vita il 30 maggio del 1994, che rappresenterà la Roma all’interno della Fondazione.

LEGGI ANCHE  Ola Solbakken è ormai ad un passo dalla Roma in vista di gennaio