Matarrese: “Il calcio italiano non ? sporco”


Le lamentele per gli errori arbitrali sono comprensibili "ma fare una crociata contro i direttori di gara è un errore madornale". Lo ha detto oggi, al termine del Consiglio federale, il presidente di Lega Antonio Matarrese. "La giornata di ieri è stata come le altre. Io non mi allarmo, ci sono periodi caldi nel calcio italiano e non bisogna perdere la pazienza. I presidenti hanno il diritto di lamentarsi, ma non devono andare oltre le lamentele. Il sistema non può subire contraccolpi così violenti, non aiuta nessuno. Ho parlato con qualche presidente che si è lamentato, va fatto sfogare", aggiunge il presidente. Su una possibile "malafede" degli arbitri è ancora più netto: "I direttori di gara possono sbagliare ma poichè la malafede viene esclusa, può rimanere l’errore. È chiaro che Gussoni (presidente dell’Aia, ndr) è fin troppo sicuro dell’operato degli arbitri. Ma i presidenti non devono fare la caccia agli arbitri". Sul tema della sudditanza psicologica, invece, dice: "È una banalità. Capisco che un presidente debba alzare la voce per tranquillizzare la tifoseria. Nessuno però -tuona Matarrese- si permetta di pensare che ci siano operazioni che sporcano il calcio italiano. Chi dice ciò andrà incontrò ad una querela".