Roma-Inter, Rudiger recupera per la partita

Rassegna Stampa Forza-Roma.com – IL MESSAGGERO – Luciano Spalletti ai microfoni di Roma Radio. «Della partita di Udine restano tante belle cose perché la squadra si è fatta trovare pronta. Il primo pensiero va sicuramente all’aver saputo riordinare le idee durante la settimana, sviluppare allenamenti fatti bene ed essersi fatti trovare pronti in una partita insidiosissima per la qualità che hanno i friulani, per il momento che stanno attraversando e per quello che riesce a determinare Pozzo in quell’ambiente. Le mie tre immagini di Udine sono: 1) come siamo entrati in campo; 2) come abbiamo condotto la partita fin dal primo momento; 3) l’aver avuto il pallino del gioco in mano. Abbiamo saputo soffrire e messo dentro più fisicità, forza e convinzione nel secondo tempo. Un altro bel momento è quando è entrato Mire Pjanic: è già la seconda volta che entra dalla panchina e senza il minimo dubbio fa il suo lavoro, fatto bene, riuscendo a determinare la psicologia della squadra». E ancora. «Il gol di Florenzi provato in allenamento? Non è vero niente, i giocatori fanno i ruffiani oltre a essere forti (ride, ndr). E’ la loro qualità che determina le giocate e gli schemi»

RUEDIGER A POSTO «Dzeko ha fatto una buona partita per impegno, per il contrasto, si è fatto trovare nel gioco di squadra, ha dato seguito e finalizzato le azioni. E’ stato sfortunatissimo all’inizio su quel cross di Digne, la palla gli è andata un pochino centrale. E’ sicuramente un giocatore diverso». Mini bilancio, a seguire. «E’ sempre difficile farlo, noi tentiamo sempre di mettere qualcosa di più, chiedo sempre molto ai giocatori. Anche quando chiediamo l’impossibile, siamo pronti a poter sviluppare qualcosa. Stiamo facendo belle cose, però, penso ci sia sempre un margine per migliorare. Bisogna porre attenzione a qualcosa di nuovo. Sarebbe tanta roba se ci riuscissimo. Mi fa piacere evidenziare la partecipazione giornaliera, il vivere lo spogliatoio e l’allenamento, sentire i discorsi dei ragazzi mi dà fiducia e mi fa guardare al futuro con sicurezza. I giocatori si sono riappropriati della loro qualità».

Ieri lavoro in gruppo per Ruediger e Ponce, Totti (affaticamento coscia sinistra) a parte con il convalescente Gyomber. Il tedesco va considerato completamente recuperato per la gara di sabato all’Olimpico contro l’Inter.

Photo Credits | Getty Images

Condividi l'articolo:

11 commenti su “Roma-Inter, Rudiger recupera per la partita”

  1. L’Inter sabato dovrà provare a fare la partita.
    Me la giocherei con la stessa formazione che ha devastato la Fiorentina:

    ————————-Szczesny
    Florenzi———-Rudiger——–Manolas———–Digne
    ———Nainggolan——————-Keita—————-
    Salah——————-Pjanic—————–ElShaarawy
    ————————-Perotti——————————

    Una squadra camaleontica che fatico ad identificare come un 4-2-3-1 o un 4-3-3 o lo sa chissà cosa, gli unici ruoli definiti nell’arco dei 90 minuti sono stati Rudiger-Manolas centrali difensivi e Keita come regista basso. Il resto è stato un valzer di giocatori in campo che si muovevano senza palla, uno spettacolo.

    Rispondi
  2. De Bruyne ha un talento che va oltre alla media e va oltre Pjanic.

    Martial sono scemi e lo hanno strapagato perchè a 2 giorni dalla fine del mercato nessuno gli aveva voluto vendere un attaccante di valore.

    Sterling lo sottovalutate, ha 21 anni ed è, mi sembra, già alla quarta stagione in Premier.

    Esterni ed attaccanti comunque costano mediamente di più rispetto ai centrocampisti.

    Rispondi
  3. LorySan ha detto:

    Parlando di quello che diceva thiago nell’articolo sotto di manolas, le valutazioni dei giocatori in Europa sn tutte drogate ahimè…
    Pjanic, ad oggi, lasciarlo andare via per 40-45mln, é un furto vedendo i 65 e gli 80 per sterling e de bruyne…
    Martial? Shaw? James Rodríguez?
    Pjanic da CENTROCAMPISTA CENTRALE, é arrivato in doppia doppia in stagione a 25 anni, una cosa più unica che rara.
    I 40-50mpn per mangala, per esempio, sn una bestemmia calcistica…
    Per me pjanic vale circa 60-70mln.

    Diciamo che più o meno il valore di Pjanic è quello che dici tu, è il valore degli altri che è gonfiato. Ad oggi anche Manolas ha raddoppiato il suo valore, spero che non venga ceduto, anche perchè con Rudiger in prospettiva formeranno una linea difensiva top.

    Rispondi
  4. Parlando di quello che diceva thiago nell’articolo sotto di manolas, le valutazioni dei giocatori in Europa sn tutte drogate ahimè…

    Pjanic, ad oggi, lasciarlo andare via per 40-45mln, é un furto vedendo i 65 e gli 80 per sterling e de bruyne…

    Martial? Shaw? James Rodríguez?

    Pjanic da CENTROCAMPISTA CENTRALE, é arrivato in doppia doppia in stagione a 25 anni, una cosa più unica che rara.

    I 40-50mpn per mangala, per esempio, sn una bestemmia calcistica…

    Per me pjanic vale circa 60-70mln.

    Rispondi
  5. Già ho letto di alcuni giornalisti, che parlano di pareggiotto sabato contro l’Inter. A questi dico sempre di giocarsi queste previsioni di risultato,ahimè suppongo che non diventeranno mai ricchi. Il loro tono è proprio dispreggiativo, stanno a rosicà de brutto, ed è tutta colpa di Spalletti. A soloni andate a casa.

    Rispondi
  6. Ottima notizia!
    Avremo bisogno anche dei centimetri e del peso di Antonio nostro dato che Ciuffetto Mancini si appresta a schierare i suoi fabbri!

    Rispondi
    • @kaffamaffa: Antonio piano piano cresce di partita in partita, come lo stesso Manolas, vuoi vedere che alla fine ci ritroveremo con una grande difesa, anche grazie al lavoro quotidiano di Spalletti che a differenza del suo predecessore fa muovere bene la linea difensiva, sfuttnado alla perfezione la velocità di questi due giocatori.

      Rispondi
  7. Daje mister, studia!
    La partita è tatticamente non semplice, l’assenza dei loro attaccanti complica un pochino l’approccio psicologico dei calciatori e la predisposizione tattica della roma che non deve dimenticarsi di avere 5 punti di vantaggio sull’avversario di sabato sera all’Olimpico.
    Fattore casa dunque e due risultati utili su tre, la roma deve avere pazienza ed impostare la partita sui difetti dell’Inter, sicuramente non sfidarli sui loro punti forti. Dalla loro, secondo me, hanno un ottima condizione fisica e le assenze potrebbero giocare un ruolo cardine dando, paradossalmente, compattezza ad una squadra con limiti caratteriali e di gruppo arcinoti.

    Rispondi

Lascia un commento