Conferenza di Spalletti pre-Sampdoria

Prima della conferenza stampa, l’Amministratore Delegato, Dottoressa Rosella Sensi, il Direttore Sportivo, Daniele Pradè, il Direttore Tecnico, Bruno Conti e Mister Spalletti hanno brindato, insieme ai giornalisti presenti, per gli auguri di Natale.

Tra i convocati torna Totti. Come sta?
“In settimana si è allenato a pieni ritmi con la squadra, ha anche calciato, è a disposizione”.

Ha fatto un piccolo sforzo per rientrare prima della sosta?
“A Totti fa sempre piacere ad essere a disposizione, pro-squadra, pro-spogliatoio, pro-città e poi vorrà dare il suo contributo”.

Qual è la situazione della Roma?
“Queste ultime due-tre prestazioni sono state al di sotto è vero ma non ritengo giusto allarmarsi più di tanto i miei ragazzi sanno capire da soli gli errori non c’è bisogno di ripicche”.

Inter
“Loro anche in Coppa hanno dimostrato di aver raggiunto una maturità che noi dobbiamo ancora sviluppare. E’ ancora troppo presto parlare di campionato già chiuso, e non riguarda solo noi ma anche altre squadre vicine in classifica”.

Un commento sul sorteggio di oggi
“Le difficoltà ci saranno sempre e comunque quando si arriva a questi livelli, poi giocando sulla carta avrei preferito un Porto o un Siviglia ma come sempre dobbiamo avere fiducia nelle nostre capacità e andare ad affrontare a testa alta il Real Madrid".

Il Real non sembra più quello di una volta
“All’inizio hanno un po’ stentato ma hanno poi trovato un equilibrio di sostanza. E’ una squadra che come intenzioni va più sull’aspetto del gioco che sulla fisicità, bisogna sempre vedere quello che riusciremo a sviluppare noi.

Come vede il cammino del Real in Champions?
“In quella partita fu molto brava la Lazio, però c’è da andare a valutare la situazione vista la classifica magari l’hanno presa sotto gamba”.

LEGGI ANCHE  Tutti gli ultimi aggiornamenti su Cristiano Ronaldo alla Roma ad inizio luglio

Quanto incide dover giocare la prima in casa?
“Non ha poi un valore importante per il passaggio del turno. È più un fattore psicologico che pratico”.

Quanto è importante la gara contro la Sampdoria?
“La partita domani andrebbe vinta e dalla reazione dei ragazzi posso dire che anche loro avvertono la stessa cosa”.

Pensa che siano giusti i punti di distacco dall’Inter in classifica ?
“L’Inter sta facendo cose eccezionali e va accettato che loro siano più bravi e si può solo fare i complimenti. Noi dovevamo fare qualcosa di più di quello che abbiamo fatto, però nell’insieme la squadra sta facendo bene”.

Roma-Sampdoria: l’assenza di Cassano
“È chiaro che Antonio ha qualità e sa dare degli impulsi di estro importanti però la Sampdoria ha fatto risultati lo stesso anche senza di lui. Antonio è venuto a trovarci in ritiro a Genova e l’ho travato molto propositivo se poi riuscirà a mettere tutto in pratica tornerà tutto a posto. Ha evidenziato un’umiltà importante”.

In queste partite come quella contro il Real la Roma si esalta?
“Si è vero, i miei calciatori si esaltano ancora di più, essendo stimolati al massimo si tende a dare di più”.

Bilancio
“I ragazzi stanno facendo bene anche quest’anno. Per quanto riguarda la corsa dell’Inter dobbiamo ricercare e fare qualcosa di più. Non si può analizzare singolarmente chi ha fatto meglio, sono tutti importati, sono fondamentali quelli che hanno giocato di meno per far giocare meglio chi ha giocato di più. Questo aiuto può essere determinante per il futuro”.

Le piacerebbe che arrivasse un giocatore come Lucarelli?
“Lucarelli è un buon calciatore ce ne sono tanti altri bravi come lui ma questi sono discorsi che si fanno all’interno con la Società e io sono contento dei miei di giocatori”.

LEGGI ANCHE  Tutti gli ultimi aggiornamenti su Cristiano Ronaldo alla Roma ad inizio luglio

A gennaio si aspetta qualcosa?
“Sono convinto che noi faremo bene con i nostri calciatori. Io non mi aspetto niente, non sono mai andato a fare forzature alla mia Società”.

Per lei cosa conta di più la prestazione o la classifica?
“I punti contano sempre ma poi bisogna vedere cosa fa la squadra. A volte può essere al di sotto delle sue possibilità ma è fisiologico.
Dobbiamo pensare che il nostro futuro dipende sempre dal nostro comportamento

Giuly
“Ha un dolorino e bisogna valutare domani. Pizarro ha saltato un allenamento ma non può che fargli bene. Perrotta e Vucinic stanno bene”.