Nyon, la Roma conosce il suo futuro


Europa-League-Forza-Roma

Oggi il menù di pranzo è proibitivo: panino al volo e tutti attaccati a radio e computer in attesa di sapere che nome avrà il nostro futuro. Alle 13.00 nella cittadina svizzera di Nyon avranno luogo i sorteggi per i sedicesimi di Europa League dopo l’accoppiamenti degli ottavi nella Champions. A rappresentare la Roma ci sarà, come di consueto, Tonino Tempestilli.

La squadra giallorossa si trova in fascia uno come testa di serie, in virtù del primo posto conquistato nel girone E. In fascia 2 troviamo subito la bestia nera, quel che non dobbiamo pescare: il Liverpool. Il nome evoca spiacevoli ricordi ma il rendimento attuale della squadra di Rafa Benitez è sicuramente alla portata della Roma degli ultimi tempi, sarebbe la sfida di Aquilani, che ritornerebbe nella Capitale e che ritroverebbe i suoi ex compagni, la rivincita di Riise, l’incontro tra i centrocampisti più forti al mondo, Danielino contro Gerrard, la partita di due tra le tifoserie più calorose e forti d’Europa: la Curva Sud e la Kop. L’idea non dispiacerebbe, ma meglio evitare subito uno scontro diretto di questa portata.

Tra le “retrocesse” troviamo il temibilissimo Atletico Madrid di Aguero e del ricordo Assunçao, ma che con soli 13 punti nella Liga non sarebbe un avversario così ostico. Poi il Rubin Kazan formazione che ha messo una certa paura agli interisti e alla squadra di Josè Mourinho. Per tornare alla penisola iberica c’è la possibilità di trovare il Villareal, che ha eliminato la Lazio e che gioca un calcio diretto da Senna e finalizzato da Nilmar e Giuseppe Rossi, e poi l’Athletic Bilbao, 7° in Liga e con una rosa interamente spagnola.

Possibilmente da evitare anche Panathinaikos e Everton, soprattutto per motivi ambientali, così come Ajax e Amburgo. Le più abbordabili sono Copenhagen, Bruges, Lille, Standard Liegi, Twente, capolista olandese e Herta Berlino addirittura ultima in bundesliga.

Le regole del sorteggio sono le stesse di sempre: le teste di serie giocheranno la seconda gara in casa, niente derby tra squadre dello stesso paese e niente replay tra formazioni che si sono già incontrate nella fase a gironi. Il sorteggio degli ottavi sarà invece libero con la possibilità per Ranieri di andare a sfidare la sua ex-juventus.

Lamberto Rinaldi


Lascia un commento